Una sera al cinema a Primavalle, nel 1976

mashIl 4 marzo del 1976 gli abitanti del quartiere Primavalle amanti del cinema avevano poco da scialare.
Il cinema LUXOR (ex SULTANO ex TITANUS), in piazza Clemente XI, era bruciato da qualche tempo (e, se ricordo bene, nell’incendio morì un barbone piuttosto popolare in zona: Nunzio Trillini).
Di prime visioni manco l’ombra.
Si doveva ripiegare sulle seconde visioni. Il NIAGARA, però, stupiva per la qualità dell’offerta: M.A.S.H. (1970), di Robert Altman. Il NIAGARA (via Pietro Maffi 10 – Tel. 6273247) richiedeva allo spettatore primavallino Lire 500 (cinquecento).
Ecco la trama di M.A.S.H. secondo il Dizionario dei film di Paolo Mereghetti: “Durante la guerra in Corea, tre medici, fra un intervento e l’altro, combinano scherzi a superiori e sottoposti, e organizzano una partita di football americano, vinta grazie a iniezioni di tranquillanti praticate agli avversari“. Un film comico e di guerra, antimilitarista, stralunato: un mezzo capolavoro.
Gli amanti del film d’autore ebbero a gioire sicuramente; gli altri no. Poterono ripiegare, comunque, in Via Clemente III 28, presso il cinema COLORADO. Qui si proiettava Il venditore di palloncini. Gli esercenti del COLORADO (tel. 6279606) erano un tantino più esosi: lire 600 (seicento). Il venditore di palloncini (1974), di Mario Gariazzo, non compare nel Dizionario del Mereghetti.
il-venditore-di-palloncini
Per la trama ci avvaliamo di Wikipedia: “Giacomino è un bambino figlio di una ballerina di varietà che lo ha affidato al padre per fuggire con l’amante. Con il passare degli anni è il ragazzo che si deve occupare del padre, ormai alcolizzato, dedicandosi allo spettacolo di marionette per poter in qualche modo sopravvivere. Colpito da una forma grave di anemia, Giacomino verrà ricoverato e in ospedale riceverà la visita della madre e di un misterioso venditore di palloncini.”. Nel cast, oltre al bravo James Whitmore (quello di Toni e il professore, per intenderci, in cui recitava assieme al nostro Enzo Cerusico) e al veterano Cyril Cusack, v’è una sfilata di solidi attori italiani: Adolfo Celi, Silvano Tranquilli, Maurizio Arena, Marina Malfatti, Umberto D’Orsi, Gianni Agus.
Chi si fosse trovato scontento anche di tali offerte doveva scavallare i confini del quartiere e avventurarsi:

alla Borgata Fogaccia/Montespaccato al cinema ABADAN (Via Gaetano Mazzoni 49; tel. 6240250, lire 400) ove poter visionare Codice d’amore orientale (1973), un erotico di Piero Vivarelli, liberamente ispirato alla filosofia del Kamasutra.

codice-damore-orientale

a Monte Mario al GUADALUPE (piazza Nostra Signore di Guadalupe 12; tel. 334967, lire ?) ove davano Il segno di Zorro (forse il film di Mario Caiano del 1963)

a Boccea allo SPLENDID (Via Pier delle Vigne 6; tel. 620205, lire 500) dov’era proiettato Hombre (1967), un western di Martin Ritt con Paul Newman.

hombre

Era inutile spingersi al RIPOSO a Largo San Pio V (tel. 620400), poiché davano Il venditore di palloncini.
L’alternativa era restare a casa, e bearsi col:

TV PRIMO, ore 20,40 sceneggiato Ambrogio di Milano con Giulio Brogi

TV SECONDO, ore 21.00 Ieri e oggi con Mike Bongiorno

TV SVIZZERA, Lache ma barbe! Film in versione originale ungherese con sottotitoli in francese (ma sì …)

TV FRANCIA, 20.30 film drammatico non meglio precisato

TV CAPODISTRIA, ore 20,30 film Il magnifico fuorilegge, western con Robert Ryan

TV MONTECARLO, ore 21,00 film  Il generale Quantrill o la belva umana, western con John Wayne e Walter Pidgeon.

(g.c.)

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...