Il latte di Suor Luigina (una storia di Primavalle)

il

Le problematiche condizioni di vita a Primavalle (inteso come quartiere) furono addolcite anche da una rete, complessa e sottovalutata, di istituzioni religiose e caritatevoli che si sostituivano al welfare istituzionale del tempo. Le Dame di San Vincenzo e il Vaticano, insomma, surrogavano il socialismo.
Da tal punto di vista un ruolo molto importante fu ricoperto dall’Oasi di Primavalle delle Suore Calasanziane che, rilevati i vecchi edifici della tenuta nel 1928, organizzarono una efficace attività di assistenza in quegli anni difficili (si occupavano di più di 150 bambini).
Qui di seguito il testo (e l’originale) di una lettera che Suor Luigina Fiorini indirizzò al Comitato Assistenza Sociale (responsabile del Dormitorio di Primavalle) per reclamare un piccolo sussidio giornaliero a favore dei suoi 30 bambini ospiti (il denaro serviva a regalargli una modestissima colazione: tutte le mattine, infatti, una processione di bimbetti, presumibilmente intorno alle otto del mattino, usciva dal Dormitorio in via Borromeo per scendere verso il fosso di Primavalle e risalire lungo lo sterrato della futura Melchiade Papa: l’Oasi delle Calasanziane si trovava nella via omonima, a ridosso della Sacchetti. In inverno e con la pioggia era un tratto davvero gravoso da fare).
Si apprezzerà l’umiltà dell’implorazione seguita, però, da una breve e prosaica notazione aritmetica tipica delle massaie più solerti (e delle migliori mamme; Luigina dice alcune cose, doverose e ufficiali, ma allude ad altre parole, non dette: “Cara Eccellenza, ce la mettiamo tutta – grazie a Dio – ma non possiamo sostenere altre spese. La situazione, d’altra parte, come Lei ben sa, è disperata. Il conquibus ulteriore è di sette lire al giorno. Cosa vogliamo fare? La sua anima ne sarà ricompensata nei cieli, ovviamente …“).
Anche questa è una tessera del mosaico della storia di Primavalle.

Eccellenza,

Le Suore Calasanziane che ricoverano gratuitamente 70 bambine figlie di carcerati, 60 piccoli all’asilo esterno ed ora 30 bambini dei dormitori di Primavalle, per questi ultimi ricevono dal Com.to “Assistenza Sociale” per ciascuno 0,70 cent. al giorno … minestra e pane il giorno, e merenda alle quattro. Ma purtroppo vengono all’asilo digiuni completamente e tremanti dal freddo, e le Suore che vivono solo di carità non possono assumersi altri impegni. Fanno perciò umile istanza all’Ecc. di Lei, affinché sia loro concesso di poter distribuire a questi 30 bambini dei dormitori di Primavalle, un bicchiere di latte caldo ogni mattina appena arrivano all’Asilo. Sarebbe questa una gran carità e un gran sostentamento per queste creaturine mancanti di tutto.
(Litri 6 di latte al giorno) (L. 1,30 x 6 = L. 7,80).
Fiduciose che tale domanda venga esaudita ossequiamo implorando …
Roma 12.2.933

 

Lettera Suor Luigina

Per il download della lettera cliccare sul link sottostante:

Lettera di Suor Luigina Fiorini per i bambini del Dormitorio di Primavalle

(g.c.)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...